Cattivo odore vaginale, cause e rimedi - Vagisil
Cambia Paese  
×

Cattivo odore vaginale, cause e rimedi

Anche le parti intime possono diventare un ambiente adatto alla proliferazione di batteri. La situazione può peggiorare fino alla comparsa di cattivo odore vaginale. Non si tratta sempre del sintomo di un’infezione che richiede l’uso di farmaci, ma in caso di perdite è meglio rivolgersi al medico per un consulto. In ogni caso, prendersi cura dell’igiene intima aiuta a far fronte ai cattivi odori intimi.

Cattivo odore vaginale: cause

Se la cattiva igiene intima è la più probabile tra le cause di cattivo odore vaginale, non è però l’unico motivo per cui può presentarsi questo problema. Ecco alcune tra le cause più frequenti.

  • Cattiva igiene intima

    Una corretta igiene permette di mantenere le zone intime fresche, pulite e asciutte, riducendo così il rischio di creare un ambiente adatto alla proliferazione di infezioni responsabili di cattivo odore vaginale.

  • Sudorazione

    Il cattivo odore nelle parti intime può essere dovuto alla semplice sudorazione. In questo caso, però, bisogna fare molta attenzione perché l’uso di prodotti deodoranti per le parti intime potrebbe avere un effetto irritante per la cute, portando la comparsa di altri sintomi oltre al cattivo odore vaginale.

  • Cambiamenti ormonali

    Anche le variazioni degli estrogeni possono portare alla comparsa di problemi associati a cattivo odore intimo. Durante il ciclo mestruale, per esempio, la flora batterica vaginale cambia e la diminuzione degli estrogeni tipica della menopausa è associata a una riduzione dei lattobacilli nella flora vaginale. Questi microbi, alleati della salute intima, convivono con altri batteri potenzialmente patogeni tenendo sotto controllo la loro proliferazione. Tuttavia, fattori come le variazioni degli estrogeni possono alterare l’equilibrio della flora vaginale portando alla comparsa di infezioni e cattivi odori intimi.

  • Infezioni batteriche

    I batteri sono naturalmente presenti all’interno della vagina. In alcuni casi quelli responsabili delle infezioni possono iniziare a proliferare, finendo per prendere il sopravvento su quelli alleati della salute intima. Il problema può colpire donne di tutte le età, che si possono ritrovare alle prese con prurito e bruciore intimo quando vanno al bagno e perdite vaginali bianche o grigiastre che hanno un odore poco gradevole (spesso simile a quello del pesce).

  • Infezioni da Trichomonas

    Si tratta di infezioni sessualmente trasmissibili causate da un parassita, il Trichomonas vaginalis. L’odore vaginale molto forte si associa a prurito alla vagina, alla vulva e nella parte interna delle cosce, a dolore durante i rapporti sessuali e alla presenza di perdite vaginali dall’aspetto schiumoso e dal colore giallo-verdastro.

Cattivo odore vaginale: rimedi

Così come una cattiva igiene intima può causare cattivo odore vaginale, la lotta ai cattivi odori delle parti intime comincia dalla cura dell’igiene personale. I possibili rimedi sono però anche altri e, in alcuni casi, potrebbe essere necessario assumere dei farmaci, seguendo le indicazioni del medico curante. Ecco le possibili soluzioni ai cattivi odori intimi.

  • Detergenti delicati anti-odore

    Le lavande non sono indicate: meglio utilizzare prodotti detergenti delicati, magari con ingredienti in grado di combattere il cattivo odore intimo. L’aggiunta di estratti dalle proprietà lenitive e rinfrescanti, di vitamina E, di acido lattico, acido citrico e antibatterici naturali favorisce la buona salute dell’area intima insieme a una sensazione di freschezza prolungata.

  • Biancheria e abbigliamento adatti

    Slip di seta o sintetici possono aumentare la sudorazione, creando un ambiente adatto alla proliferazione dei batteri. Per questo è meglio preferire biancheria intima di cotone. Se si vogliono scongiurare le irritazioni, soprattutto quelle da sfregamento, è consigliabile anche evitare i pantaloni troppo aderenti.

  • Prodotti contro l’umidità

    Per mantenere le zone intime fresche e asciutte è possibile utilizzare prodotti in grado di assorbire l’umidità in cui potrebbero proliferare i batteri. Non si tratta di talco, ma di molecole naturali ad elevato potere assorbente e dall’azione emolliente.

  • Antibiotici

    Gli antibiotici potrebbero essere necessari qualora il cattivo odore vaginale fosse dovuto a un’infezione. Sia le vaginosi batteriche sia l’infezione da Trichomonas possono essere trattate efficacemente con questi farmaci. A volte devono essere assunti per via orale, altre volte sono prodotti da inserire all’interno della vagina.

  • Probiotici

    Anche prendersi cura della flora batterica può aiutare a combattere i problemi alla base del cattivo odore intimo. I principali microbi alleati della salute intima sono i lattobacilli che, assunti per via orale, possono aiutare a migliorare la composizione della flora batterica vaginale.

×