Dolore durante i rapporti sessuali: cause e rimedi - Vagisil
Cambia Paese  
×

Dolore durante i rapporti sessuali: cause e rimedi

Provare dolore durante i rapporti sessuali può avere effetti significativi sulla vita intima di una donna. I motivi per cui ci si può ritrovare alle prese con la dispareunia (questo il nome con cui, a livello medico, ci si riferisce a questo disturbo) possono essere di varia natura. Fortunatamente, esistono rimedi sia per trovare un sollievo immediato al dolore sia per cercare di risolvere il disturbo alla sua base.

Dolore durante il rapporto: le cause

I rapporti sessuali dolorosi, come detto sopra, possono essere causati da molteplici fattori. Una tra le tante cause, per esempio, si ritrova nella scarsa lubrificazione dei tessuti della vagina, ma non mancano nemmeno i casi in cui ad entrare in gioco, sono sostanze estranee o microbi. Andiamo a scoprire, quindi, dove possono affondare le radici del problema.

  • Disagi psicologici o emotivi

    Il dolore durante i rapporti sessuali può avere anche cause psicologiche, come l’ansia, la depressione, lo stress sul lavoro o preoccupazioni nella vita di coppia. Per alcune donne il problema è associato a un trauma nella sfera della sessualità vissuto in passato.

  • Variazioni ormonali

    Anche una diminuzione degli estrogeni, gli ormoni femminili per eccellenza, può rendere i rapporti sessuali dolorosi. Tutto dipende dalla cosiddetta secchezza vaginale. Normalmente, infatti, gli estrogeni contribuiscono a mantenere ben idratati i tessuti della vagina; in assenza di questi ormoni, invece, i tessuti vaginali si assottigliano, si seccano e si disidratano. I motivi per cui i livelli di estrogeni possono variare sono più d’uno: dalla menopausa al parto o all’allattamento, passando per stress, depressione, un’attività fisica molto intensa, l’assunzione di alcuni farmaci (pillola inclusa) e trattamenti medici o chirurgici (come l’asportazione delle ovaie).

  • Agenti irritanti

    Fumo, assorbenti interni, profilattici e sostanze irritanti che possono essere presenti nei detergenti per l’igiene intima, in quelli per il bucato e in altri prodotti per l’igiene possono scatenare o far peggiorare la secchezza vaginale, portando poi alla dispareunia.

  • Infezioni

    Anche alcune infezioni vaginali hanno fra i loro sintomi proprio il dolore durante i rapporti sessuali. Fra gli agenti infettivi da incolpare sono inclusi la Candida albicans e il Trichomonas vaginalis. La prima è un fungo che può vivere nella vagina rimanendo in equilibrio con la flora batterica vaginale, ma che in alcune condizioni (ad esempio in seguito all’assunzione di antibiotici, oppure se si soffre di diabete o durante la gravidanza) può proliferare in modo incontrollato scatenando prurito, bruciore intimo e perdite vaginali dense e biancastre cui può essere associato anche dolore durante i rapporti. Il Trichomonas, invece, è un parassita che si trasmette per via sessuale e che oltre a dolore durante il rapporto è associato anche a prurito intimo e perdite giallo-verdastre.

  • Scarsa eccitazione

    A volte il dolore durante il rapporto è semplicemente dovuto a una scarsa eccitazione, che può essere associata a una lubrificazione insufficiente della vagina. Questo può rendere la penetrazione difficoltosa e, di conseguenza, dolorosa.

Dolore durante i rapporti sessuali: rimedi

A seconda delle sue cause il problema dei dolori durante i rapporti sessuali può essere affrontato in diverso modo. Scopriamo quali sono i possibili rimedi alla dispareunia.

  • Non avere fretta

    Se la scarsa lubrificazione della vagina è un problema di eccitazione, la prima soluzione per evitare rapporti sessuali dolorosi è cercare di darsi un po’ di tempo in più per eccitarsi, così da trovare il giusto grado di intimità e armonia con il proprio partner.

  • Utilizzare un lubrificante

    I prodotti lubrificanti, che agiscono riducendo l’attrito provocato dalla penetrazione, offrono un sollievo immediato utile in caso di scarsa eccitazione e secchezza vaginale. Quando vengono utilizzati insieme al profilattico è meglio preferire quelli a base acquosa; infatti vaselina, oli minerali e altre sostanze oleose potrebbero diminuire l’efficacia del preservativo.
    Ad oggi in commercio se ne trovano alcuni con ingredienti quali l’acido ialuronico utile perché conferisce alla pelle quelle sue particolari proprietà di resistenza e mantenimento della forma; è una sostanza generalmente prodotta dal nostro organismo ma la sua concentrazione nei tessuti del corpo tende a diminuire con l’avanzare dell’età. Poi ne esistono alcuni, con una consistenza simile al fluido vaginale o ancora altri che assicurano un’efficace protezione, una rapida idratazione migliorando così il rapporto sessuale.
    Infine in commercio, i lubrificanti si distinguono tra esterni e interni, quest’ultimi, grazie a dei specifici applicatori, sono in grado di aderire meglio alle pareti interne garantendo così un’idratazione prolungata.

  • Provare un idratante

    Rispetto ai prodotti lubrificanti, gli idratanti esercitano un’azione più prolungata utile per evitare il dolore durante i rapporti agendo sul problema della secchezza vaginale.

  • Antibiotici e antimicotici

    Servono per trattare, rispettivamente, il Trichomonas vaginalis e la Candida albicans. Tuttavia, deve essere un medico a prescrivere l’assunzione di antibiotici, soprattutto dopo aver verificato con esami clinici di essere in presenza proprio di queste infezioni. Si ricorda, inoltre, che anche alcuni dei prodotti utili contro la candida richiedono la ricetta medica.

  • Ovuli e creme vaginali

    Ne esistono per idratare i tessuti della vagina e per combattere le infezioni. Chiedendo consiglio al proprio medico o al farmacista è possibile identificare quelli più adatti al proprio caso.

×