Come distinguere i diversi tipi di perdite vaginali - Vagisil
Cambia Paese  
×

Come distinguere i diversi tipi di perdite vaginali

Ritrovarsi alle prese con delle perdite vaginali è una situazione piuttosto comune. Fortunatamente, non è sempre necessario preoccuparsi. Certo, perdite vaginali marroni durante la gravidanza devono far scattare un campanello d’allarme: meglio chiedere subito consiglio a un medico! E anche perdite vaginali maleodoranti o dal colore strano dovrebbero far insospettire: potrebbe essere in corso un’infezione.

Bisogna però ricordare anche che le cellule della cervice producono naturalmente una sostanza che serve per mantenere la vagina pulita, che viene eliminata proprio dalla vagina sotto forma, in genere, di perdite vaginali trasparenti. Per questo non tutte le perdite vaginali sono un sintomo allarmante. Scopriamo insieme come distinguere i diversi tipi.

Colore, consistenza e odore

I segni che possono aiutarci a distinguere i diversi tipi di perdite vaginali sono essenzialmente tre: il loro colore, la loro consistenza e il loro odore. Ecco cosa possono svelare.

  • Perdite vaginali gialle

    Le perdite di questo colore possono presentarsi anche come perdite vaginali verdi e in genere hanno un aspetto schiumoso: si tratta delle tipiche perdite associate alla tricomoniasi, un’infezione sessualmente trasmissibile causata dal parassita Trichomonas vaginalis. Possono essere associate a prurito vaginale interno ed esterno o all’interno coscia e a dolore durante i rapporti, e possono avere un odore forte o sgradevole.

  • Perdite vaginali bianche e maleodoranti

    Sono il segnale che è in corso una vaginosi batterica. Il loro odore è simile a quello del pesce e a volte il loro colore può essere anche grigiastro. Possono essere associate a prurito vaginale interno ed esterno.

  • Perdite vaginali bianche e dense

    Sono il sintomo dell’infezione da parte di funghi. Il più diffuso è la candida, associata a perdite vaginali dalla consistenza simile a quella della ricotta. Ma attenzione: la stessa candida può causare anche perdite piuttosto acquose. Gli altri sintomi che possono essere associati a questo problema sono prurito e bruciore vaginale interno ed esterno, dolore durante i rapporti sessuali e quando si va al bagno e arrossamenti della vulva.

Perdite vaginali: i rimedi

A seconda della causa alla loro base, le perdite vaginali possono essere affrontate con rimedi diversi. Ecco come risolverle caso per caso.

  • Tricomoniasi

    Le perdite vaginali gialle-verdi causate dall’infezione da Trichomonas vaginalis rendono necessario il trattamento con antibiotici.

  • Vaginosi batterica

    Per affrontare le perdite vaginali bianche scatenate da un’infezione batterica potrebbe essere necessario l’utilizzo di antibiotici. A seconda dei casi il medico sceglierà se devono essere assunti per via orale o se prescrivere prodotti da inserire direttamente in vagina.

  • Candidosi

    In caso di infezione da candida è necessario affrontare le perdite consultando un medico che saprà sicuramente consigliare la terapia più adeguata (da assumere per via orale o da inserire in vagina).

Perdite vaginali: l’importanza di una corretta igiene intima

In tutti i casi in cui si soffre di perdite vaginali è importante prendersi cura dell’igiene intima in modo delicato. Meglio evitare le lavande vaginali, troppo aggressive, e rispettare sempre il naturale pH vaginale Cos’è e perché è così importante il pH intimo. Ecco gli ingredienti che possono essere utili.

  • Estratti naturali

    Sono l’alternativa ideale a principi attivi aggressivi e profumazioni potenzialmente irritanti. Il mercato offre, ad esempio, prodotti a base di estratti di camomilla e di calendula.

  • Antibatterici naturali

    Aiutano a combattere le infezioni causate dai batteri della vaginosi. Qualche esempio? L’olio di neem e il tea tree oil.

  • Molecole anti-odore

    Si tratta di soluzioni innovative in grado di combattere le perdite vaginali maleodoranti vaporizzando le molecole responsabili del cattivo odore. La loro azione le rende impercettibili da parte dell’olfatto umano.

  • Prebiotici

    Sono sostanze nutrienti per la flora batterica alleata della salute intima, che proliferando aiuta a rinforzare le difese naturali dell’organismo.

×