Secchezza vaginale: cause, sintomi e rimedi - Vagisil
Cambia Paese  
×

Secchezza vaginale: cause, sintomi e rimedi

Spesso viene associata alla menopausa, ma in realtà può colpire donne di qualsiasi età: si
tratta della secchezza vaginale, un disturbo che può avere effetti negativi sul benessere
generale e psicologico, sui rapporti intimi e sulla qualità della vita di una donna. Le cause della secchezza vaginale sono molteplici, ma l’effetto finale è sempre una lubrificazione insufficiente dei tessuti della vagina. Fortunatamente, in molti casi possiamo contrastare efficacemente i suoi sintomi. È però fondamentale sapere quali sono i rimedi più adatti.

Secchezza vaginale: le cause

  • Diminuzione del livello degli estrogeni

    La secchezza vaginale può essere causata dalla diminuzione del livello di estrogeni, gli ormoni femminili per eccellenza che, in genere, mantengono i tessuti della vagina ben idratati. Quando gli estrogeni diminuiscono, i tessuti della vagina possono assottigliarsi, seccarsi e infiammarsi.

  • Menopausa, parto, allattamento

    Se è universalmente noto che la menopausa causi una diminuzione degli estrogeni, forse non tutti sanno che questa situazione può verificarsi anche dopo il parto e durante l’allattamento: tre momenti della vita di una donna in cui si può, appunto, soffrire di secchezza vaginale.

  • Uso di farmaci

    La secchezza intima può essere uno sgradito effetto collaterale di alcune terapie farmacologiche. Le terapie anticoncezionali, i farmaci contro l’endometriosi, i fibromi, l’infertilità e contro i tumori al seno possono causare secchezza vaginale, così come la chemioterapia e la radioterapia e gli interventi di asportazione delle ovaie.

  • Uso di saponi e prodotti intimi aggressivi

    Dall’igiene intima ai saponi utilizzati per il bucato: quando saponi e detergenti intimi sono troppo aggressivi o ricchi di sostanze irritanti e profumi, lo spiacevole effetto collaterale potrebbe essere proprio quello della secchezza vaginale.

  • Basso livello di eccitazione durante i rapporti sessuali

    In caso di secchezza vaginale e rapporti dolorosi, il problema potrebbe non essere legato al calo di estrogeni ma, molto più semplicemente, a un basso livello di eccitazione.

  • Stile di vita

    Anche lo stile di vita incide sulla secchezza intima: troppa attività fisica, periodi particolarmente stressanti e il fumo di sigaretta, infatti, possono causare questo disturbo.

Secchezza vaginale: i sintomi e le complicazioni

  • Dolore, prurito, forti bruciori e perdite vaginali

    Il rischio che si corre quando si soffre di secchezza vaginale è quello di trovarsi alle prese con sgraditi sintomi, che si identificano soprattutto in dolori, pruriti, forti bruciori e perdite vaginali.

  • Infezioni

    La secchezza intima può favorire l’insorgenza di infezioni, danneggiando le pareti della vagina e causando altresì forti dolori durante i rapporti sessuali, con possibili ricadute negative anche sul nostro benessere psicologico.

Secchezza vaginale: rimedi

  • Uso di lubrificanti

    Capire l’origine della secchezza vaginale è molto importante per agire in modo mirato. Quando è associata a rapporti dolorosi dovuti a un basso livello di eccitazione l’uso di un lubrificante vaginale offre un sollievo immediato, poiché va a ridurre l’attrito provocato dalla penetrazione. Qualora si utilizzi il profilattico è bene scegliere un lubrificante a base acquosa, poiché un lubrificante a base oleosa può diminuire l’efficacia del metodo anticoncezionale.

  • Uso di creme idratanti

    Oltre ai lubrificanti, perfetti in caso di rapporti sessuali, esistono anche i cosiddetti idratanti. Se i lubrificanti offrono un rimedio immediato ma generalmente temporaneo e circoscritto alla diminuzione dell’attrito durante un rapporto sessuale, gli idratanti hanno un’azione più prolungata.

Trattamenti a base ormonale

Nel caso in cui la secchezza intima si presenti dopo la menopausa a causa della carenza di estrogeni (vaginite atrofica) il medico potrebbe consigliare l’uso di trattamenti a base ormonale, come creme, ovuli o altri prodotti da inserire direttamente in vagina. Se, poi, la secchezza vaginale è associata ad altri sintomi della menopausa (come le vampate) contro cui il medico ritiene opportuno prescrivere la terapia ormonale sostitutiva, il trattamento (in genere basato sull’assunzione di ormoni per via orale o attraverso cerotti da applicare sulla pelle) potrebbe aiutare ad alleviare anche la secchezza.

×